3 Miti da Sfatare sulla Longevità

Pubblicato da il giorno 4 Set 2015

Con tutto quello che abbiamo scoperto sulla salute negli ultimi 30 anni, ci aspettiamo che le nuove generazioni godano di una vita più lunga e di una salute migliore! Purtroppo, invece, sembra che le cose stiano peggiorando.

Secondo alcune ricerche, i nuovi nati sono meno sani rispetto agli individui delle generazioni precedenti. Mediamente sono più obesi, meno attivi e vanno incontro a più problemi di salute, il che diventa un grande problema anche sociale man mano che questi bimbi invecchiano.

Vorremmo perciò affrontare alcune importanti e diffuse idee errate sulla longevità:

 

Mito n.1: “La durata della vita si è allungata”

Grazie ai progressi della medicina, certi disturbi possono ora essere trattati permettendo a persone che altrimenti sarebbero morte prima di vivere più a lungo. Perciò ci piace pensare che la durata media della nostra vita si sia allungata.

Non è proprio così! Di generazione in generazione siamo sempre più deboli e malati, e anche se riusciamo a evitare una morte prematura, la maggior parte delle persone muore per qualche malattia e non di vecchiaia.

 

Mito n.2: “E’ tutta una questione di geni”

Ecco una buona notizia. Anche se i geni hanno un peso nel determinare il nostro “potenziale massimo di longevità” (ovvero quanto a lungo possiamo vivere sulla base dei nostri geni), il ruolo di primo piano spetta a quello che facciamo nella vita per sfruttare quel potenziale.

Certo, alcune persone possono mangiare qualsiasi cosa e vivere più di 90 anni. E se si prendessero cura di sé maggiormente? Quanto a lungo potrebbero vivere?

Non tutti abbiamo la costituzione per raggiungere i 100 anni. Ma se riuscissimo a sfruttare meglio il nostro “potenziale di longevità”, potremmo vivere 5, 10, 20 anni in più.

 

Mito n.3: “Certi cibi allungano la vita”

A tutti piacerebbe avere la pillola magica. Desideriamo trovare cibi e/o prodotti che ci consentano di vivere più a lungo, così investiamo in questo o quell’integratore o supercibo, ma spesso si tratta di un’illusione.

Wayne Gendel, l’”esperto di longevità” di cui abbiamo pubblicato l’intervista, spesso riceve domande del genere. Ecco alcuni suoi suggerimenti che, meglio di qualsiasi integratore o supercibo, ci possono aiutare in tal senso.

Mangiare meno. Il fattore più comune tra le persone longeve è una certa restrizione calorica. Questo significa che la maggior parte delle persone che vivono a lungo mangiano meno rispetto alla media.

Ora, abbiamo detto diverse volte che seguendo una dieta a base di frutta e verdura, è importante mangiare tanto… e questo rimane vero! Quando si segue una dieta del genere, composta per la maggior parte da frutta e verdura cruda, risulta molto più difficile eccedere con le calorie… anzi, spesso il rischio è quello di non assumerne a sufficienza.

Magro è meglio. Non ci sono centenari obesi. Ma anche essere solo leggermente sovrappeso non è un vantaggio dal punto di vista della longevità.

Una compagnia di assicurazioni ha scoperto che:

  • Peso sopra la media = vita molto corta
  • Peso nella media = vita corta
  • Peso sotto la media = vita lunga
  • Estremamente sottopeso = vita corta

Perciò, magro è meglio! Se il tuo livello di grasso corporeo è sotto la media, ma comunque entro parametri salutari, le tue possibilità di vivere a lungo aumentano.

Livelli di stress. Alti livelli di stress non favoriscono la longevità, a prescindere da quanto sana sia la tua dieta! Spesso, per raggiungere il tipo di vita senza stress richiesto per vivere a lungo dobbiamo affrontare i nostri problemi emozionali alla radice.

Valuta, in una scala da 1 a 10, il tuo livello di stress, e trova una cosa che puoi fare da subito per ridurlo.

Altri fattori. Naturalmente, ci sono altri fattori importanti, come ad esempio il rilascio dell’ormone naturale della crescita, che si può stimolare naturalmente senza integratori.

Per esempio, brevi sessioni intense di attività fisica, come saltare la corda o altro, favoriscono il rilascio dell’ormone della crescita e quindi il ringiovanimento.

longevità rawfood

Mimi Rirk, 76 anni, sostenitrice del crudismo a basso contenuto di grassi.


La vita è preziosa, perciò ti invitiamo a fare del tuo meglio per estendere al massimo il tuo potenziale di longevità!

 
 
New Graphic

Riceverai istantaneamente un link per Scaricare i 3 Special Report in PDF

Una Risposta a “3 Miti da Sfatare sulla Longevità”

  1. Posso solo dire Grazie,Grazie Garazie!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *