Candida

Il dibattito sulla frutta (parte 2) – Gli zuccheri

<– Il dibattito sulla frutta (parte 1) Gli zuccheri della frutta sono un problema? “Ho letto un po’ sulla filosofia del dottor Doug Graham e mi ha colpito la sua enfasi sulla frutta. A causa dell’ibridazione, la frutta di oggi contiene tanti zuccheri e non è più come quella di 500 anni fa.  Questo favorisce problemi di glicemia, carie dentale e candida. Puoi dire la tua su questo argomento?” Monique RISPOSTA DAL DR. GRAHAM: “Ho risposto a questo tipo di preoccupazioni, in profondità, nel mio libro The 80/10/10 diet (in inglese). Ecco comunque, in breve, la mia risposta: Molti dei frutti di oggi sono stati in effetti ibridati, al fine di migliorarne al gusto. Ad esempio, anche solo 40 anni fa il pompelmo era quasi immangiabile senza l’aggiunta di zucchero. Le varietà più dolci di mele, uva, e molti altri frutti sono disponibili oggi sul mercato, ma  50 o 100 anni fa semplicemente non esistevano. In sostanza, ciò che è cambiato è il rapporto tra gli zuccheri e il totale dei minerali contenuti in questi frutti. Incrementando la dolcezza della frutta, il rapporto si è spostato a favore degli zuccheri. Per questo motivo, gli esseri umani devono consumare verdura a foglia verde, che ha un rapporto zucchero/minerali decisamente a favore dei minerali, in modo da mantenere un sano equilibrio di questi due tipi di nutrienti. Sono sempre stato a favore del consumo di foglie verdi, ho raccomandato il loro uso durante tutta la mia esperienza di 27 anni con la dieta crudista. Da dieci anni a questa parte, in realtà, io consiglio una percentuale  di verdure più elevata (2-5% del totale delle calorie consumate) di chiunque altro nel campo della salute. La nostra dieta naturale, frutta e foglie verdi, non favorisce la carie, la candida, i disturbi del metabolismo degli zuccheri, la stanchezza cronica, i disturbi digestivi, il cancro, le malattie cardiache, o qualsiasi altro problema di salute. La maggior parte di questi disturbi possono essere ricondotti al consumo eccessivo di grassi nella dieta o all’ampio uso di alimenti innaturali, come i cibi disidratati o raffinati. La quantità di calorie che una persona deve consumare non varia di molto, che stia consumando fichi che forniscono 20 calorie l’uno o fichi che ne forniscono 40. La quantità di carboidrati necessari ogni giorno rimane stabile, pari a circa l’80% delle calorie totali. L’unica cosa che cambia, se i frutti sono stati modificati in modo da aumentane la dolcezza, è la quantità di fichi da consumare e l’apporto di minerali che...

leggi tutto

10 Falsi Miti sulla Frutta – PARTE 3

Questa è l’ultima parte della serie di articoli  “I 10 grandi miti sulla frutta”. Se non hai letto i 2 articoli precedenti ti consiglio di farlo partendo da qui: La Frutta fa Bene Vediamo quali sono le altre grandi affermazioni errate per quanto riguarda la frutta, sfatando in particolare un grande mito che vede frutta e candida strettamente legate. 8) “La frutta provoca la candida” Quante persone soffrono di candida? Oggi, quella della candida sembra una vera e propria “epidemia”, che riguarda anche il mondo crudista. Spesso,  parlando di candida, si punta il dito sulla frutta come alimento in grado di aggravarla o provocarla. Rimane comunque aperta la domanda se si tratti veramente di una crescita eccessiva del lievito “Candida  Albicans” oppure no:  molte persone ci arrivano con un’autodiagnosi, che potrebbe però essere fuorviante. In molti casi, cioè,  potrebbe trattarsi semplicemente dei sintomi di una dieta che non funziona, che sia collegata alla candida oppure no. Il vero problema con la candida è che quando una persona si convince di averla, generalmente comincia a seguire la cosiddetta “dieta per la candida”, che fa esattamente quello che annuncia col suo nome: aumentare la candida! Leggi anche questo nuovo articolo dove analizzo le cause della candida. Se analizziamo questa dieta, troviamo una variazione del modello medico di dieta, che prevede l’eliminazione o una forte riduzione dei carboidrati e un aumento delle proteine e dei grassi. Fortunatamente per i promotori della dieta, queste indicazioni non fanno altro che far rimanere la candida più a lungo. L’eliminazione degli zuccheri può controllare alcuni dei sintomi, ma la radice del problema viene nutrita ad ogni pasto. I problemi con la candida sono facilmente risolvibili una volta che si comprende il concetto di sensibilità insulinica, e una volta che si realizza quanto un’alimentazione ad alto contenuto di grassi contribuisca a innalzare la glicemia nel sangue, che a sua volta nutre la candida. Ogni cibo che mangiamo viene trasformato in zuccheri per nutrire le cellule. La parola zuccheri è stata talmente condannata che alcune persone temono il fatto di avere degli zuccheri che circolano nel proprio sangue. Ma senza questi zuccheri le nostre cellule morirebbero, e i nostri muscoli e il nostro cervello smetterebbero di funzionare. Il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di mantenere la glicemia stabile ad un livello normale, evitando che gli zuccheri si accumulino nel sangue. Gli zuccheri dovrebbero rapidamente essere trasportati alle cellule quando ce n’è...

leggi tutto

Quali sono le Cause della Candida?

Moltissime persone mi chiedono “Fred, che cosa dovrei fare con tutta quella frutta, nella dieta crudista? Ho la candida e non posso mangiarne così tanta.” Alcuni preferiscono che proponga loro un programma giornaliero che includa solo 2 o 3 frutti al giorno (anziché diversi chili, come indicato nei miei corsi). Parlerò un po’ di questo argomento, con una premessa: non voglio essere troppo rigido e neanche consigliare una dieta specifica che vada bene per tutti. Cerco solo di dare il mio contributo spiegando le cause della candida, basandomi sulla mia esperienza e ricerca.   La cause della candida sono diverse da quelle dichiarate. La candida non è causata dagli zuccheri, ma piuttosto, esacerbata dal loro consumo (anche se si tratta di zuccheri naturali, come quelli della frutta). Ad ogni modo, gli zuccheri non sono la causa della candida. La candida è come un fungo, che prolifera in presenza di zuccheri in eccesso nel flusso sanguigno. Alcune teorie sostengono che il fungo, cercando di smaltire l’eccesso di zuccheri, ti stia in realtà facendo un favore.   Perché le persone hanno zuccheri in eccesso nel sangue? La risposta ovvia potrebbe essere: “perché mangiano troppi zuccheri”. Questo, tuttavia, è piuttosto lontano dalla realtà. Perché? Molte persone possono mangiare zuccheri naturali in quantità, sotto forma di frutta, e non avere nessun sintomo di candida. Normalmente, quando mangi zuccheri (per esempio una banana ), essi dovrebbero essere utilizzati velocemente dalle tue cellule, senza accumularsi nel sangue. Se invece essi si accumulano nel sangue, potresti avvertire sintomi di candida (o altri problemi). Il vero problema è che gli zuccheri rimangono intrappolati nel flusso sanguigno, senza arrivare alle cellule come dovrebbero.   Ecco alcuni rimedi e accorgimenti per riportare questo processo alla normalità:   Riduci i grassi nella tua dieta Le persone non hanno la candida a causa di un eccesso di zuccheri. La candida si manifesta per un eccesso di grassi e di zuccheri assieme. L’incremento del consumo di grassi influisce sulla tua sensibilità all’insulina, causando problemi di eccesso di zuccheri nel sangue; la candida è solo uno di questi problemi. Vai su www.fitday.com e inserisci tutti i cibi che mangi in un giorno. Se il tuo consumo di grassi (per calorie) supera il 30%, puoi avere dei problemi. Idealmente dovrebbe rimanere vicino al 10%. La chiave del problema, quindi, è ridurre drasticamente il consumo di grassi. E’ contro-intuitivo, ma è così che funziona. Riduci il consumo di grassi a circa il 10%  (delle calorie assunte) e, dopo poche settimane, potresti scoprire che la tua abilità di processare gli zuccheri è notevolmente...

leggi tutto

Sconfiggere la Candida: il Vero problema

Spesso ricevo domande che riguardano la candida: molte persone sono afflitte da questo problema e vogliono liberarsene, cercando il miglior modo di risolverlo naturalmente. Spesso temono che mangiare frutta peggiori la situazione. Ecco un estratto da una lettera che ho ricevuto: “Sono 100% vegan e crudista, e correntemente seguo – alla lettera – il programma di cura per la candida di Gabriel Cousens. Dopo più di un anno, non ho ancora avuto alcun risultato: un programma, poi un altro programma, e poi un altro ancora…” Il modo di sconfiggere la candida è semplice: bisogna comprendere che la candida è un problema che viene dal consumare troppo grassi, non troppi zuccheri. Quando mangiamo troppi grassi, questi grassi in eccesso nel sangue diminuiscono la sensibilità insulinica, così che lo zucchero non viene trasportato nelle cellule così velocemente come dovrebbe. Esso si accumula nel sangue, nutrendo i lieviti della candida che sono naturalmente presenti in una certa quantità. Quindi la candida si moltiplica per “mangiare” lo zucchero in eccesso. La soluzione non è consumare meno zuccheri, o tentare di eliminare la candida, ma andare direttamente alla radice del problema, che è di consumare meno grassi. Utili risorse sull’argomento (in inglese) si trovano sul sito del dr. Graham (in inglese), oltre che sul mio libro “The Raw Secrets” (tradotto in italiano), dove si esplorano i problemi collegati al consumo in eccesso di grassi. Perché non dovrei mangiare tutti gli avocado, le noci e i semi che voglio? Avocado, noci e semi hanno un contenuto estremamente alto di grassi. Quando parliamo di grassi, non ha importanza la loro origine: i grassi rimangono sempre grassi. I grassi vanno direttamente dal sistema linfatico al sangue. Un eccesso di grassi causa un addensamento nel sangue, e un’aggregazione dei globuli rossi, che impedisce il trasporto dell’ossigeno alle cellule. L’eccesso di grassi blocca il trasporto degli zuccheri alle cellule da parte dell’insulina, e questo provoca il diabete. E’consigliabile mangiare solo piccole quantità di avocado, noci e semi, e non mangiarli ogni giorno. La frutta, la verdure, i vegetali a foglia verde forniscono già al corpo una quantità adeguata di grassi. Per saziare il nostro appetito è quindi meglio mangiare frutta fresca dolce in quantità, la quale viene digerita facilmente, pur saziando la fame per ore. La vera fame è una sensazione che si sente prima di tutto nella parte bassa della gola, un po’ come la sete, ma più in basso....

leggi tutto