Digestione

Come migliorare la propria digestione

Qual è l’impatto della dieta crudista sulla nostra digestione? In questo articolo Frederic Patenaude parla della cosiddetta “maledizione crudista”, ovvero di un fattore determinante che, se preso nella giusta considerazione, ci permette di mantenere una buona digestione o di migliorarla.   Crudismo e digestione Chi si prende cura della propria salute in genere comincia a prestare molta più attenzione alla digestione e al grande impatto che essa ha sull’organismo. Tutti sappiamo cosa siano l’acidità di stomaco e l’indigestione… quando il nostro stomaco non è a posto, è difficile anche solo pensare a qualcos’altro! Crudisti, igienisti ed esperti di salute e medicina orientale e occidentale hanno sottolineato la grande importanza della digestione, talvolta indicando specifiche combinazioni di cibi da adottare e/o da evitare. Si parla di combinazioni alimentari ormai da diversi decenni, e io stesso ne ho osservato le regole piuttosto strettamente per molti anni. Nello specifico, ho adottato l’approccio igienista alle combinazioni alimentari, ad esempio evitando di mangiare meloni e angurie assieme ad altri cibi, di mescolare cibi acidi e dolci assieme, e così via.   L’industria della digestione La digestione è diventata così importante per l’opinione pubblica da diventare un cavallo di battaglia per l’industria legata al cibo e agli integratori. Cibi arricchiti di probiotici, yogurt e altri prodotti speciali popolano gli scaffali dei negozi, vantando specifiche quantità e ceppi di batteri. Tutti questi prodotti promettono di migliorare l’equilibrio della flora batterica intestinale, favorendo una miglior digestione, performance mentali più brillanti e una pelle più pulita. Penso che molti dei benefici di questi ceppi di batteri e dei prodotti che li contengono vengano per lo più esagerati allo scopo di venderli. Cibi fermentati naturalmente come il kombucha, il kimchi e i crauti hanno molta più probabilità di contenere dei batteri benefici per l’intestino… e possono essere preparati a casa, con le verdure del proprio orto! E’ da vedere anche quanti dei probiotici contenuti in questi prodotti effettivamente sopravvivano dopo essere stati confezionati, trasportati, conservati e…mangiati. Non sto dicendo che non abbiano alcuna utilità, ma sono convinto che una flora batterica sana sia legata soprattutto a un’alimentazione e a uno stile di vita sano, più che all’utilizzo di qualche prodotto arricchito di probiotici. Alcuni crudisti arrivano anche a comprare enzimi digestivi per integrare gli enzimi che il corpo naturalmente produce. Qui si apre un altro capitolo, ma per ora mi limito a dire che il corpo (se lo tratti...

leggi tutto