Verdure

Come Fare le Verdure Fermentate

Ecco un’altra ricetta che può esserti utile, soprattutto alla fine dell’estate, per mettere via un po’ delle fantastiche verdure fresche dell’orto e poterle gustare più avanti. Soprattutto nei periodi in cui la verdura fresca scarseggia, è bello avere qualche sfiziosa verdura fermentata con cui accompagnare i propri piatti. Oltre a un buon gusto, le verdure fermentate hanno anche proprietà benefiche per la salute del nostro intestino e del nostro organismo, poiché possono aiutarci a mantenerli in salute contrastando (assieme a una buona dieta e un sano stile di vita) i costanti attacchi della vita moderna. Inquinamento, stress, antibiotici, acqua clorata, cibo non ottimale, ecc. mettono davvero a dura prova la nostra flora batterica intestinale! Ecco dunque la ricetta, dello chef Frank Giglio, tratta dal libro “Cultured” di K. Gianni (in inglese), ma esistono anche in italiano ottime guide alla preparazione casalinga dei cibi fermentati.   Verdure Fermentate: Cetrioli croccanti Ingredienti: 2,5 kg di cetrioli 2 cucchiai di siero di latte in polvere (non vegan) o una capsula di probiotici (per accelerare il processo, passaggio non obbligatorio) 5-6 foglie ricche di tannini (vite, rafano, quercia) per rendere le verdure più croccanti (opzionale) 1 manciata di aneto (o altra erba aromatica fresca) 4-6 peperoncini rossi essiccati 5 spicchi d’aglio, a pezzi 3 cipollotti, a pezzi ¼ tazza di spezie per sottaceti (ad es. cannella, chiodi di garofano, grani di pepe, semi di senape, ecc.) Per la salamoia: 2 litri di acqua pura 6 cucchiai di sale marino Inoltre, ti serviranno: un vaso di vetro a imboccatura larga da circa 4 litri (lavato molto bene) telo da formaggio   Prepara la salamoia sciogliendo il sale nell’acqua e aggiungi a tuo piacimento spezie, erbe fresche e le foglie ricche di tannini. Lava i cetrioli e, se sono grandi, tagliali a pezzi. Mettili dentro il vaso, fino a riempirlo per ¾. Versaci dentro la salamoia, fino a coprire i cetrioli per almeno 2-3 cm. Aggiungi i probiotici (aprendo una capsula) o il siero di latte in polvere. Copri il vaso con un telo da formaggio. Lascia riposare il tutto per 3 giorni a temperatura ambiente. Tieni d’occhio i cetrioli e di tanto in tanto spingili giù, immergendoli nella salamoia. Assaggia per controllarne il sapore. Lascia riposare per altri 2 giorni, poi assaggia di nuovo. Una volta raggiunto il sapore desiderato, metti in frigorifero. I cetrioli continueranno a fermentare, lentamente, arricchendosi di gusto con il...

leggi tutto

Frullati Verdi: Un Pasto Super-Equilibrato

oggi presentiamo un articolo di Victoria Boutenko, l’autrice di La rivoluzione degli smoothies e Green for Life (in inglese). E’ incredibile quanto Victoria abbia fatto, negli anni, per divulgare i benefici dei frullati verdi in tutto il mondo. Questo è l’articolo originale da cui “tutto ebbe inizio”…   Come dice il proverbio russo: il nuovo è qualcosa di vecchio che è stato dimenticato da tempo. Quest’estate ho ri-scoperto i frullati verdi.   Che cosa intendo per frullati verdi? Ecco una della delle mie ricette preferite: 4 pere mature, 1 mazzo di prezzemolo e 1 grande tazza d’acqua. Il tutto ben frullato. Questo frullato ha un colore verde brillante, tuttavia il suo sapore è quello della frutta. Mi piacciono così tanto i frullati verdi, che ho comprato un frullatore extra da tenere in ufficio, in modo da poterli preparare in ogni momento della giornata. Più della metà del cibo che ho mangiato negli ultimi mesi è consistito in frullati verdi. Ho così tanta energia e lucidità ora, che ho addirittura tolto i succhi verdi dalla mia dieta. (Ho assunto succhi regolarmente per anni).   I frullati verdi hanno numerosi benefici per la salute umana. Anzitutto, sono molto nutrienti. Credo che la proporzione ottimale per il consumo umano sia: circa il 60% di frutta biologica matura, con il 40% circa di verdure a foglia verde. I frullati verdi sono facilmente digeribili. Se ben frullati, tutti i preziosi nutrienti della frutta e della verdura si omogeneizzano, o vengono ridotti in particelle così piccole da risultare facilmente assimilabili dal corpo, cominciando ad essere assorbiti letteralmente nella bocca. I frullati verdi sono, al contrario dei succhi, un cibo completo, poiché contengono ancora le fibre. I frullati verdi sono tra i cibi più appetitosi per gli esseri umani di tutte le età. Con una proporzione di frutta e verdura come 60:40, il sapore della frutta prevale, ma al tempo stesso le verdure verdi ne bilanciano la dolcezza aggiungendo un gusto piacevole. Essi sono semplicemente il più buon cibo per la maggior parte degli adulti e dei bambini. Preparo sempre un po’ di frullato in più per poterlo offrire ai miei amici e ai miei clienti. Alcuni di essi seguono una dieta americana standard. Tutti finiscono la loro tazza di frullato con dei complimenti, sorprendendosi che qualcosa di così verde possa risultare tanto buono e dolce. Assumendo due o tre tazze di frullati verdi ogni giorno, puoi...

leggi tutto

Il Modo Migliore per Mangiare le Verdure

Verdure Cotte o Crude? Ecco un articolo che entra nel cuore del dibattito crudo/cotto: i cibi cotti sono tutti uguali? Qual è il modo migliore per consumare le verdure? Risponderemo a queste domande prendendo spunto da alcune affermazioni del dr. Fuhrman, autore del famoso Eat to Live – Mangiare per vivere. In un suo articolo, Fuhrman infatti dichiara che: “I sostenitori del crudismo giungono erroneamente alla conclusione che, poiché molti di essi non sono salutari, tutti i cibi cotti siano dannosi. Questo non è vero.” Egli continua sottolineando che: – La cottura ad alte temperature e la bollitura distrugge molti nutrienti, ma metodi più conservativi permettono di salvare molti di essi. – La cottura a vapore rompe le fibre di cellulosa e trasforma la struttura cellulare vegetale in modo che siano necessari meno enzimi per digerire questi cibi. – In conclusione, Fuhrman ritiene che non ci siano vantaggi ma solo svantaggi dal non includere verdure cotte nella propria dieta, dato che esse sono il cibo a più alta densità di nutrienti. Sostiene inoltre che la dieta ideale preveda un 50% di verdure crude e un 50% di verdure cotte. Sono tendenzialmente d’accordo con il ragionamento di Fuhrman, e sento che egli valuta attentamente i dati che raccoglie, oltre ad avere una solida base di ricerche sulla nutrizione a sostenere le sue affermazioni, tuttavia NON sono d’accordo con le conclusioni a cui giunge. E’ vero che alcuni nutrienti risultano più disponibili dopo la cottura, mentre altri vengono distrutti o notevolmente ridotti. E’ anche vero che mangiando solo verdure crude perdiamo molti dei nutrienti in esse contenuti, poiché essi possono essere “bloccati” dalle fibre e risultare non assimilabili. Il modo ideale per fare il pieno di nutrienti sarebbe quello di mangiare verdure crude e masticarle benissimo! Tuttavia, a causa della nostra dentizione (molto spesso danneggiata) e della mancanza di tempo, la maggior parte di noi non mangia abbastanza verdure crude e, soprattutto, non le mastica abbastanza per estrarne tutti i nutrienti. Inoltre, molte persone hanno difficoltà a mangiare grandi quantità di verdure crude, e…diciamo la verità: a chi piace passare il tempo a masticare foglie in grandi quantità? La cottura rompe le fibre delle verdure e le rende più facili da masticare e da digerire (in alcuni casi). Ad esempio, i broccoli cotti a vapore sono molto più facili da mangiare rispetto a quelli crudi, e anche un po’ più apprezzabili aggiungerei....

leggi tutto