Vitamina B12

Tutto quello che dovresti sapere sulla B12 – Seconda Parte

Ecco il seguito dell’esteso articolo di Don Bennett sulla B12, in cui si parla delle sue funzioni, dei problemi cui si può andare incontro con una carenza e dei modi migliori per correggerla/prevenirla.   Due funzioni importanti della B12 La B12 in forma di metilcobalamina viene utilizzata dall’enzima metionina sintasi per convertire l’omocisteina in metionina. Quando questo enzima non funziona, il nostro livello di omocisteina sale, e come ho già detto prima, questo si associa a un aumento del rischio di problemi cardiaci e di deterioramento delle arterie e dei nervi. Un’altra funzione della B12 è come coenzima nell’utilizzo della 5-deossiadenosilcobalamina nell’enzima metilmalonil-CoA mutasi nella conversione del metilmalonil-CoA in succinil-CoA. Menziono questa roba complicata come esempio di ciò che non ti serve sapere (e come prova che ho fatto i miei compiti a casa). A parte gli scherzi, questa funzione della B12 spiega perché ci sia una correlazione diretta tra un basso livello di B12 e un alto livello di MMA [acido metilmalonico], e perché il test MMA sia il migliore per controllare il proprio livello di B12. Per completezza, devo aggiungere che: si dice spesso che c’è una sola ragione per cui l’MMA può essere alto, ovvero un basso livello di B12. Tuttavia ci sono altre ragioni documentate per cui il suo valore può essere alto, come difetti genetici, insufficienza renale, volume del sangue basso, disbiosi (squilibri microbici nel tratto gastrointestinale), gravidanza e ipotiroidismo. Ma poiché alcune di queste condizioni possono a loro volta avere come fattore contributivo un cattivo stato della B12, e dal momento che alcune di esse possono essere causa di un basso livello di B12 (poiché richiedono quantità di B12 più alte del normale), quando il test MMA risulta alto è buona idea presumere che il proprio livello di B12 sia basso, intervenire per correggerlo e quindi rifare il test dopo un mese.   Le mie analisi vanno bene, quindi sono a posto Qualcuno potrebbe pensare che, se dalle analisi la sua B12 risulta a posto, non ci sia ragione di assumere un integratore. Il problema è che non puoi sapere quando i livelli di MMA e omocisteina cominceranno a salire. Potrebbero rimanere bassi per anni, mesi, o anche solo per alcune settimane dopo il test. Non c’è nessun esame in grado di dire quanto a lungo il tuo livello di B12 rimarrà adeguato, senza alcuna fonte affidabile di B12. Perciò chi preferisce “prevenire...

leggi tutto

Tutto quello che dovresti sapere sulla B12

L’argomento B12 è molto dibattuto e le informazioni che circolano a riguardo sono spesso contraddittorie e a volte scorrette. Per fare chiarezza pubblichiamo, in due parti, un approfondito articolo di Don Bennett*, esperto di dieta vegan-crudista e ricercatore che ha studiato a fondo l’argomento.   Proprio come il mio articolo approfondito sulla vitamina D, questo pezzo sulla B12 non è corto né dolce, per due ragioni: 1. C’è un sacco di disinformazione sulla B12, e spazzare via le convinzioni errate in tema di salute è una delle cose di cui mi occupo; 2. E’ di vitale importanza che tu abbia informazioni corrette su tutto ciò che ha un grande impatto sulla tua salute, la tua qualità di vita e la tua longevità, e la B12 è una di quelle cose. Perciò questo articolo non consiste, come tanti altri articoli sulla B12, semplicemente in una raccolta di informazioni pre-esistenti in sintonia con le mie personali inclinazioni (un buon ricercatore non può avere preconcetti nel cercare la verità/realtà). Lo scopo di questo articolo non è tanto spiegare perché ci siano informazioni così contradditorie, quanto cercare di educare su tutto ciò che riguarda la B12 (dato il grande impatto che può avere sulla salute). Alcuni educatori vegani e alcuni profani (soprattutto vegan-crudisti) sostengono che i vegani non debbano preoccuparsi della B12, e che l’integrazione non sia una soluzione. La ricerca scientifica, e la mia esperienza clinica, mostrano chiaramente che i cibi vegetali non sono una fonte sufficiente e affidabile di B12, e che la maggior parte dei vegani, anche crudisti, ad un certo punto diventano carenti se non integrano in qualche modo. Ma perché è così? Ovviamente non siamo fatti per aver bisogno di integratori alimentari. Da dove dovrebbe venire la B12? Questo articolo cercherà di rispondere a questa domanda così intensamente dibattuta.   C’è o non c’è B12 nel cibo? Oggi sappiamo che c’è B12 in qualsiasi cibo contenga una certa quantità di vitamine del complesso B, anche se in precedenza non eravamo in grado di rilevare queste piccole quantità. Tecnologie più moderne ci hanno permesso di scoprire che la B12 è presente nei cibi ricchi di vitamine del gruppo B. Tuttavia, questa non è sufficiente per coprire il nostro fabbisogno! Questo è il punto da ricordare. Perciò, il fatto che ci sia B12 in alcuni cibi vegetali non prova che essi siano la fonte da cui dovremmo ricavare questa sostanza....

leggi tutto

Dibattito sulla Carenza di Vitamina B12

Quello della carenza di vitamina B12 è un argomento piuttosto controverso, che spesso viene usato dalle persone che criticano le diete vegane per cercare di dimostrare la loro “innaturalità”. Ma quello in cui viviamo non è più un ambiente naturale, e molte persone finiscono per sviluppare un’effettiva carenza. Ecco cosa ci consiglia Frederic Patenaude.   Abbiamo davvero bisogno della B12? Molti critici dell’alimentazione vegana usano l’argomento della B12 per dimostrare la presunta “innaturalità” di tale dieta. Il ragionamento in genere è: Se la dieta vegana è naturale, perché abbiamo bisogno di una vitamina che si trova solo nei prodotti animali? Buona domanda. In realtà, la B12 non viene prodotta né da piante, né da animali, ma da batteri. In tempi ancestrali, avevamo B12 in abbondanza poiché il nostro ambiente non era così igienizzato. Questo includeva residui fecali che in qualche modo venivano introdotti assieme al cibo. Questo è anche il modo con cui molte grandi scimmie vegetariane si procurano questa vitamina. Al giorno d’oggi, viviamo in un ambiente più pulito e questo ha i suoi vantaggi: non moriamo più di infezioni batteriche come un tempo, o come tuttora succede alle scimmie selvatiche. Tuttavia ci sono anche degli svantaggi, e uno di questi è che le persone che seguono un’alimentazione prevalentemente vegana necessitano di integrare la vitamina B12 per evitarne la carenza. Ecco un fatto interessante. Molte persone citano studi che mostrano come i vegetariani non vivano più a lungo rispetto al resto della popolazione. Questi studi sono stati condotti su vegetariani e vegani inglesi. Le ricerche fatte in America (sugli Avventisti del 7° giorno, che seguono una dieta vegetariana) mostrano invece che i vegetariani e i vegani vivono più a lungo degli altri. Gli avventisti americani maschi (vegetariani) vivono in media ben 10 anni di più rispetto agli altri maschi americani! E’ una differenza sorprendente. Perché invece le ricerche sui vegetariani inglesi danno risultati così pessimi?   La causa potrebbe essere una carenza di vitamina B12 Di recente ho partecipato a una conferenza del dr. Michael Greger, autore del libro How Not to Die, che ha parlato di questo argomento. Per legge, molti prodotti biologici in Gran Bretagna non possono contenere aggiunte di B12. Negli Stati Uniti, invece, la B12 viene aggiunta al latte di soia, ai cereali e a molti altri prodotti. Dato che buona parte dei vegetariani inglesi non assume integratori, finisce per sviluppare una carenza di...

leggi tutto